Puntuale, a giugno i giorni 9-10-11, torna la Festa del Quartiere Aprilia Nord.

Una manifestazione ormai consolidata e un appuntamento atteso da tutta la comunità. Un avvenimento che alla tradizione aggiunge, ogni anno, qualche elemento di novità e d’interesse.

Per il Comitato si tratta di un banco di prova importante che permette di valutare il grado di apprezzamento dei cittadini, per l’opera meticolosa e continua che esso svolge, nel quartiere e nella città, con passione e continuità: Festa dell’uva, Mercatino delle Pulci, la visita di Babbo Natale nelle scuole del Quartiere; pacchi per gli anziani.

Di questo bisogna ringraziare tutte le persone che durante l’anno si prodigano per migliorare la vivibilità del quartiere. Un ringraziamento va inoltre agli sponsor, ai negozianti e ai sostenitori delle varie iniziative di socialità e di solidarietà attivate.

In quest’anno, purtroppo triste per i territori dell’Italia centrale toccati dal terribile terremoto, il Comitato di Quartiere ha voluto apportare il proprio piccolo contributo per alleviare il disagio delle popolazioni colpite dal sisma: un’azione che ci ha fatto sentire orgogliosi di aver alleggerito, anche se per un solo momento, il dolore di molti.

Nei tre giorni di festa, come da consuetudine, si alterneranno momenti di approfondimento e momenti di puro svago e divertimento.

Ricco come sempre lo stand gastronomico curato dalle instancabili “cuoche fatine” del Comitato. Ampio spazio alle attività sportive … e la sera tutti in pista con la musica dei vari gruppi musicali.

Guardando indietro nel tempo possiamo dire che siamo cresciuti negli anni, dando il giusto spazio alla sicurezza, al rispetto per l’ambiente e per la città. Fattori che, insieme alle altre organizzazioni di quartiere unite in rete, si cercherà di migliorare nel futuro per il bene comune della Città.

Sperando che anche questa volta avremo il piacere di vedervi numerosi alla festa del Quartiere Aprilia Nord auguriamo a tutti un BUON DIVERTIMENTO.

   Il Presidente del Comitato

                                                                                                  Giovanni Caruso